Una tornata elettorale può avere una valenza sociologica e una meramente politica. E le elezioni europee di ieri ci dicono che le destre avanzano vigorosamente. Sul piano sociologico, non c'è dubbio che questa crescita significhi che la gente si è rotta le scatole di questa Europa. Sul piano meramente politico, il discorso si fa più complesso. Perché?

Le elezioni europee si basano su un sistema proporzionale dove l'esito di un'elezione dipende dalle possibili combinazioni e dalle visioni di chi ha i numeri per fare un governo. E il proporzionale ha una caratteristica specifica: è fatto per isolare le ali che, a meno che non abbiano la maggioranza assoluta - e non ce l'hanno quasi mai - finiscono sempre all'opposizione. In questi casi, tutto dipende dalla visione politica di chi è in grado di proporre una maggioranza con i dati che ha che spesso possono significare tutto e il suo contrario. Quando, in Italia, nel 2018 il Movimento 5 Stelle ottenne il 32%, sarebbe tanto potuto andare all'opposizione, tanto avrebbe potuto decidere di fare un governo come effettivamente fece, proprio perché quei numeri non gli consentivano di governare da solo, senza snaturare la propria struttura ideologica. Analogamente, dati alla mano, il PPE, ossia il centrodestra, oggi è il primo partito europeo ma non di maggioranza assoluta. Ciò significa che, per governare, dovrà ovviamente allearsi con qualcuno. Da questo punto di vista, se la Von Der Leyen si allea con le destre, dovrà rivedere molte delle cose fin qui fatte nei precedenti cinque anni. Se, invece, deciderà di allearsi col PSE, la destra andrà all'opposizione con la conseguenza inevitabile che PSE e PPE dovranno governare per cinque anni con la consapevolezza di rischiare di sputtanarsi definitivamente, proprio come è avvenuto a Macron che, salito al potere proprio grazie alla fusione tra il centrodestra e il centrosinistra francesi che si sono uniti in chiave antilepenista, oggi paga caramente il risultato di questa furbata, con lo scioglimento delle camere.

In sintesi, sul piano politico è ancora presto per trarre delle conclusioni perché tutto dipende anzitutto da chi la Von Der Leyen sceglierà come alleato. Allearsi col PSE e fare un governo di larghe intese - con tutto ciò che implichi una mossa del genere - significherebbe governare solidamente per i prossimi cinque anni ma nel contempo rischiare la propria delegittimazione politica.
Sul piano sociologico, la crescita delle destre è un risultato che dice molto sugli umori dell'Europa e su quanto la gente non ne possa più di un'Unione Europea che non risolve i problemi delle persone ma si occupa soltanto di rendere loro la vita difficile. E che il dato abbia una fondamentale importanza è talmente vero che in Francia questo ha generato delle conseguenze.
In sintesi, la farsa probabilmente continuerà ma questo, forse, è l'ultimo giro.


Franco Marino


Se ti è piaciuto questo articolo, sostienici con un like o un commento all'articolo all'interno di questo spazio e condividendolo sui social

Comments

Che la farsa continui è l'unica certezza che si ha. Purtroppo. În Italia astensionismo oltre il 50%...la gente non crede più alla politica e a questi politici. Mi chiedo solo come si possa far superare lo sbarramento ad avs permettendo l'elezione della Salís e come si faccia a far arrivare il PD al 25%...evidentemente gli italiani sono masochisti incorreggibili
 
Last edited:
Spero vivamente siano gli ultimi rantoli. Ciò’ può farlo pensare anche guardando a tutto il resto : la potenza USA fa sempre il vocione ma ad oggi non è quella di prima e dopo una possibile terza guerra mondiale si rinascerà dalle ceneri con magari equilibri diversi
 
L'unico dato certo e inequivocabile è l'astensionismo. Questi invece di osannare le loro "vittorie" dovrebbero andare a scopare il mare. In Itaglia sono andati a votare per le europee il 48,21% e per il momento non è ancora nota la percentuale di schede bianche/nulle. Quindi già adesso ogni partitucolo ha si e no il 14% di consensi. Finalmente è l'inizio della fine.
 
Quello che non riesco a digerire è la Salis al parlamento
 
Tanto per mettere qualche "pulce" nell'orecchio (e per chi crede ancora nelle "votazioni") per quanto riguarda il partito di Ilaria Salis, Alleanza Verdi e Sinistra, è un micropartito e aveva poche speranze di entrare. Ma la "salvezza" sembra sia arrivata dai voti degli studenti fuori sede che avrebbero votato per il 40%. Sono i "prodigi" del voto da fuori.
 
Non credevo in questo risultato del PD… credo sia stata sorpresa la stessa Elly
I giovani votano perché vivono di ideologia non sapendo che di ideologia si muore
Queste erano elezioni importantissime… gli adulti rimasti a casa lo avrebbero dovuto capire
Il segnale è stato dato nonostante l’astensionismo… sarà fondamentale capire adesso come procederanno Giorgia, Ursula e Marine
 

Media

Blog entry information

Author
Franco Marino
Views
1.378
Comments
9
Last update

More entries in Politica

  • Giorgia, stattene all'opposizione! (di Franco Marino)
    Prima che qualcuno legga il titolo e si chieda, giustamente "Chi è costui per dare consigli ad un leader politico che oltretutto è il Presidente del Consiglio" è bene precisare che l'autore...
  • Comunisti
    Quando ero ragazzino,era tutto più semplice e genuino. Non esistevano i cellulari, e manco sapevo che cazzo fosse l'olio di palma. Era tutto a portata di intelligenza, anche per quelli ne avevano...
  • Il flop dei grillini e la fine dei gatekeeper (di Franco Marino)
    Una costante del dopo elezioni è che i duellanti rivendichino di aver ottenuto un ottimo risultato anche se, per definizione, perché qualcuno possa vincere, deve per forza perdere qualcun altro...
  • Maschere
    Il problema sono le maschere. Si le maschere che si indossano quotidianamente, si molti sono costretti, per lavorare, per il quieto vivere, per non distruggere rapporti. Mille tipi di maschere...
  • Perché la destra vince e la sinistra perde? (di Franco Marino)
    Dopo un'importante vittoria ad El Alamein che cambiò l'inerzia di una guerra che sembrava guardare le sorti del suo paese in cagnesco, Churchill se ne uscì con uno dei suoi aforismi più celebri...

More entries from Franco Marino

Top